Hai delle domande?

Home informazioni aero-right Reports aero-right Come migliorare la deliverability delle tue emails

Come migliorare la deliverability delle tue emails

Reports Aggiornato il Agosto 7, 2019

Una buona deliverability è una delle chiavi di una campagna di successo. A lungo termine, non solo ti farà risparmiare tempo e denaro, ma aumenterai i tuoi lettori, infine, aumenterai le tue vendite.

In Benchmark, facciamo il possibile per assicurarci di avere il miglior tasso di consegna e di apertura, adeguando costantemente la nostra strategia per soddisfare tutti i requisiti richiesti da i client di posta elettronica. Ma sapevi che ci sono cose che puoi fare da te per migliorare la tua deliverability?

Curare la reputazione di invio è l’aspetto più importante dell’email marketing. Senza una buona reputazione di invio, le tue e-mail non avranno successo. Ci sono alcune cose che puoi iniziare a fare oggi per migliorare la tua reputazione di invio.

Dominio privato, quando si utilizza un ESP come Benchmark, si consiglia sempre di utilizzare un dominio privato. Se si utilizza un dominio pubblico per inviare le email, questo significa tassi di apertura inferiori.

Aggiungere un SPF al tuo dominio privato è la fase uno di autenticazione. I record SPF possono aiutare a convalidare che stai permettendo all’ESP di inviare per tuo conto. L’aggiunta di un Cname al tuo DKIM è la seconda cosa che dovresti fare quando usi una terza parte per inviare le tue email. DKIM assegna a un’organizzazione la responsabilità di un messaggio che viene consegnato. L’organizzazione è il mittente principale o il mittente originale del messaggio, l’organizzazione è nota come Identificatore e la reputazione degli identificatori è responsabile del successo della consegna della mail. Ulteriori informazioni su DKIM.

Rallenta il tuo invio All’inizio alcuni ISP impostano una soglia per il numero di email che puoi inviare durante una sessione: se superi questa soglia o limite, il loro sistema può segnalarti come spammer e bloccherà il resto delle tue email. Un modo per evitare questo problema è inviare le emails un po’ per volta. Quando inizi a creare la tua reputazione di invio, puoi inviare a gruppi più grandi, inviando infine a tutti i tuoi contatti allo stesso tempo.

Il miglior giorno per inviare Da martedì a giovedì + mattina invia = maggiore risposta Questi giorni e tempi sono noti per ottenere un migliore tasso di risposta. Tuttavia, se queste date non funzionano per te non ti preoccupare. L’obiettivo è di mantenere la comunicazione email in modo coerente. I tuoi iscritti si aspetteranno che la tua email arriverà nella loro casella di posta nello stesso giorno e alla stessa ora ogni settimana. Ciò significa che vorranno leggere i tuoi contenuti e saranno più ricettivi a qualsiasi offerta speciale o promozione che potresti includere. Se si mantengono le cose coerenti, è meno probabile che i clienti si confondano con la propria newsletter o email e lo segnalano come spam.

Utilizza sempre lo stesso indirizzo mittente Mantieni costante l’indirizzo mittente. Questo aiuta gli abbonati che hanno aggiunto il tuo indirizzo email alla loro whitelist a continuare a ricevere messaggi da te. Avere lo stesso indirizzo dà sicurezza ai tuoi lettori.

Chiedi / Richiedi che i tuoi utenti ti aggiungano alla loro whitelist Per garantire la consegna delle email, chiedi ai tuoi lettori di autorizzarti.

Usa una tagline riconoscibile nell’oggetto Contrassegna le tue newsletter con uno slogan in modo che i clienti riconoscano che provengono da te.

Sii coerente e metti una tag-line nell’oggetto ogni volta. Più fai questo, meno possibilità avrai di ricevere un reclamo di spam.

Usa l’HTML Quando si inviano newsletter in formato HTML, assicurati che la versione in testo normale sia sempre aggiornata. È importante che sia il testo normale sia le versioni HTML abbiano contenuti uguali o molto simili.

Usa CSS con molta attenzione Raccomandiamo solo l’uso dello stile CSS in linea in HTML invece di fare riferimento al file CSS in HTML. Utilizzando il nostro editor Drag and Drop sei certo che le tue emails utilizzano lo stile CSS, il quale è il formato migliore per tutti i client di posta.

Evita troppi grafici e elementi HTML complessi Ad esempio, se la newsletter contiene troppe immagini o tabelle, può essere contrassegnata come spam. La percentuale di testo dovrebbe essere superiore alla percentuale di immagini. Consigliamo il 60% di testo al 40% di immagini. Inoltre, tieni presente che molti lettori utilizzano software (Outlook, ad esempio) che blocca automaticamente le immagini. Se gli utenti non capiscono di cosa tratta la campagna, la segnaleranno come spam. Una campagna con HTML complesso è generosamente premiato con molti punti spam. Per questo ti suggeriamo di rimanere semplice. Gli sfondi colorati, le tabelle, i moduli JavaScript e Web non dovrebbero essere nella tua newsletter.

Verifica i tuoi iscritti con la conferma di iscrizione Rendi sempre le tue mailing list con un doppio opt-in. Ciò significa che quando un utente si iscrive alla tua mailing list tramite il tuo sito Web o qualsiasi altra fonte, verrà inviata un’email con un link su cui è necessario fare clic per confermare l’iscrizione.

Questo è molto importante perché molte persone possono inserire accidentalmente un indirizzo email errato o addirittura l’indirizzo email di qualcun altro apposta. Quando quella persona riceve una newsletter a cui non si è iscritto, assumerà che è stata spammata e riferirà la sua newsletter in quanto tale. L’utilizzo del metodo di iscrizione opt-in confermato ti aiuterà inoltre a mantenere gli indirizzi e-mail non validi fuori dalla tua lista, il che riduce il volume e la percentuale di messaggi non recapitabili o di respinte.

Hai trovato la risposta alla tua domanda?
0 1

Non hai trovato quello che cercavi?

Crea un ticket

Vedi storico dei ticket